RSS

Marlene Dietrich: Blonde Venus (Josef von Sternberg, 1932)

17 Ago

Joseph von Sternberg – Blonde Venus (1932)

Cast: Cary Grant, Herbert Marshall, Marlene Dietrich, Dickie Moore…

Marlene Dietrich stars as Helen Faraday, a German cabaret singer in the States whose husband, Ned, falls ill and his only hope is to receive expensive medical treatment at a clinic in Europe. Struggling to afford his care and to support their son Johnny, she works at a nightclub and succumbs to the advances of wealthy playboy Nick, whose gifts assist in her husband’s recovery. Soon Ned recovers and returns, but when he discovers that Helen has been unfaithful, he divorces her, threatening to take their son. After running with little Johnny, she ends up a prostitute in New Orleans, where she is found by the detective hired by Ned. The boy is taken from her and Helen flees to Paris where she becomes a cabaret sensation. Upon witnessing a performance, Nick begins seeing her again and when the show moves to NYC, he secures a meeting between her and her ex — who is finally made aware of the motivation behind her affair years before. This is the feature containing the well-known scenes where Dietrich performs stage numbers in an ape-suit and a white tuxedo (complete with top hat). by Kristie Hassen (allmovie.com)

*** *** ***






*** *** ***

Il Morandini:

La tedesca Helen, ex cantante, sposa Edward, chimico USA. Matrimonio felice con figlioletto. Per trovare il denaro necessario al marito malato di radiazioni, riprende a cantare in un night-club e accetta la corte del playboy Nick di cui diventa l’amante, mentre Edward va in Europa a farsi curare. Tornato Edward, non più ignaro, fugge col piccolo Johnny ricercata dalla polizia. Rimasta senza soldi, lo restituisce e ricomincia a cantare con successo a Parigi. Finale rientro in famiglia, imposto dalla Paramount. Scritto da Jules Furthman e S.K. Lauren (da un soggetto del regista), è il 4° e il più discontinuo dei 6 film J. von Sternberg/M. Dietrich. Ingiusto salvare soltanto il famoso “Hot Voodoo”, memorabile numero musicale con Marlene che esce dalla pelle di un gorilla. C’è H. Marshall in gran forma anche nella lunga sequenza in un paesino del Sud con i polli in libertà. E il personaggio di Helen, una delle madri più sexy della storia del cinema, non manca di forza come donna che si sacrifica per la felicità degli altri, anche a costo di prostituirsi, e affronta con fierezza le conseguenze delle sue colpe. Oltre all’esecuzione di “I Couldn’t Be Annoyed” in un frac bianco da uomo, Dietrich canta in francese e una ninna nanna in tedesco. Splendido bianconero di Bert Glennon. Scenografia: Wiard Ihnen. Costumi: Travis Banton come negli altri 5 film. (mymovies.it)






Link nei commenti

 
1 Commento

Pubblicato da su 17 agosto 2010 in Cinema

 

Tag:

Una risposta a “Marlene Dietrich: Blonde Venus (Josef von Sternberg, 1932)

  1. Rod Delarue

    26 novembre 2010 at 14:51

    Nuovi links (“megaupload”) per “Blonde Venus” al seguente indirizzo:
    http://scalisto.blogspot.com/2010/11/josef-von-sternberg-blonde-venus-1932.html

     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: