RSS

Lettere a Mefistofele: 25 marzo

25 Mar

25 marzo

Fintantoché Lei continuerà ad abbeverarsi e ad abboffarsi alla mangiatoia universitaria, non produrrà mai nulla di buono.
Le converrebbe dire addio ai suoi sogni di gloria accademici (i suoi scritti, gliel’ho già detto, fanno pena), fare uno sforzo per rialfabetizzarsi e inventarsi poeta come voglio fare io.

La sua formazione scolastica ha risentito di qualche intoppo.
Che cosa Le hanno insegnato al liceo?
A parlare tanto per parlare, non è vero?
In che cosa consiste il suo spirito critico?
In un partito preso di provocazione a tutti i costi.
Era indisciplinato. Le mettevano sempre sette in condotta.
Ma alla fine si è visto ridotto a imparare a memoria i manuali. Se no, nell’università non sarebbe mai entrato.

Il mio lesbismo ha la pretesa di essere poetico.
Saprò tradurre in versi caotici e in rime disordinate tutte le sfumature degli orgasmi di cui sono stata e sono tuttora capace.
Mi chiami al telefono e gliene farò assaggiare uno.

Sua Lesbo.

Dora



“Neska” by Fetish (plfoto.com)

 
1 Commento

Pubblicato da su 25 marzo 2010 in Letteratura

 

Tag:

Una risposta a “Lettere a Mefistofele: 25 marzo

  1. slowoman

    26 marzo 2010 at 22:29

    Di questo si vive e di tant’altro ancora…

     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: