RSS

Lettere a Mefistofele: 14 febbraio

14 Feb

14 febbraio

Tra tutte le vite parallele che ognuno di noi conduce, quella più ricca di peripezie è la vita intellettuale, la sola “vera vita” – ci ha detto – citando Proust e adattando a modo suo, suppongo, Rimbaud.
Altra stronzata.

Io credo che la vita sessuale ci porti a compiere infinite scoperte e ci trascini in peripezie uguali, se non superiori, a quelle della vita intellettuale.
Noi non sappiamo di che cosa saremmo capaci se solo ci lasciassimo andare, e ignoriamo ciò di cui gli altri, invece, sono capaci.

Credevamo che nostra sorella fosse la sposa perfetta e poi scopriamo che si diletta a molestare i ragazzini.
Ci eravamo fatti del nostro vicino di casa, persona ligia al dovere, scapolo, abitudinario, sempre cortese, l’immagine dell’uomo esemplare. E poi veniamo a sapere che di giorno, invece di andare al lavoro, si reca in una casa chiusa per uomini.
Sospettavamo che quel nostro lontano parente dall’aria sempre così stranìta avesse dei gusti un po’ particolari, ma mai e poi mai ci saremmo immaginati che potesse intendersela con…

Potrei moltiplicarLe gli esempi di quello che Lei mi sembra chiami “sporcizia” e di quello che io preferisco definire il sapore autentico dell’amore.

Dora


Photo by Vl. Ivanov (photodom.com)

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 febbraio 2010 in Letteratura

 

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: