RSS

Architetture del vuoto (Parte seconda: 1991-1997); III “La poesia della fine che mi hai recitato stasera…”

07 Set

III

La poesia della fine
che mi hai recitato stasera,
lo sguardo perso nello specchio…

Di fronte a te, di fronte a me,
lo stesso imbarazzo,
lo stesso stupore.

La poesia del tramonto.
Nei nostri occhi
uno sbaglio di troppo,
la memoria che sbanda.
Nello specchio il riflesso
di uno sguardo incolore.

La poesia del tradimento.
Una parola che manca,
un verso che zoppica,
nella tua voce che ansima
una rima che affiora.

Ma siamo privi di senso
e non c’è più luce a quest’ora.

***   ***   ***

Wound - Nass Hayes (photodom.com)
Wound – Nass Hayes (photodom.com)

 
1 Commento

Pubblicato da su 7 settembre 2009 in Letteratura

 

Tag:

Una risposta a “Architetture del vuoto (Parte seconda: 1991-1997); III “La poesia della fine che mi hai recitato stasera…”

  1. gidiano84

    10 settembre 2009 at 18:05

    “Ma siamo privi di senso
    e non c’è più luce a quest’ora.”

    sublime.

     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: